.
Annunci online


Tarcisio Merati, Senza titolo


A tutti gli uomini liberi e forti, che in questa grave ora sentono alto il dovere di cooperare ai fini superiori della Patria, senza pregiudizi né preconcetti, facciamo appello perché uniti insieme propugnino nella loro intierezza gli ideali di giustizia e libertà.
 

Luigi Sturzo, Appello ai liberi e forti



Circolo Culturale

Andreino Carrara

Bergamo

Manifesto


Newsletter

Per iscriverti alla Newsletter di Liberi e forti e rimanere sempre aggiornato, invia un messaggio vuoto con oggetto ‘Iscrizione alla Newsletter’ a com.andreinocarrara@libero.it


Collegamenti







 



Disclaimer

 

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.

 

Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.

9 maggio 2008
9 maggio 1978
 
Aldo Moro


di Nicola Carrara




Era una calda giornata di sole e mi trovavo con alcuni compagni di scuola ad attraversare con la bicicletta le vie di un quartiere di Cologno.

Non so come venimmo a conoscenza della uccisione di Aldo Moro ma ricordo il silenzio di quei momenti rotto dalla voce di un cronista della televisione o della radio proveniente da un’ abitazione vicina.

Il dramma del rapimento di Aldo Moro durava da 55 giorni, iniziato con l’aggressione e la strage degli uomini della scorta.

I brigatisti sfidarono lo stato e colpirono uno degli uomini più rappresentativi, il politico più brillante.

L’Italia intera, con grande dignità, partecipò al dolore per l’uccisione di una persona mite e gentile riconosciuto da tutti come una grande personalità pubblica.

La radicalizzazione di un’ideologia generò dei mostri violenti.

Credo sia doveroso ricordare, a distanza di 30 anni dall’uccisione, l’azione ed il pensiero di Aldo Moro, per capire le trasformazioni e la natura profonda della società italiana.




permalink | inviato da liberieforti il 9/5/2008 alle 11:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte