.
Annunci online


Tarcisio Merati, Senza titolo


A tutti gli uomini liberi e forti, che in questa grave ora sentono alto il dovere di cooperare ai fini superiori della Patria, senza pregiudizi né preconcetti, facciamo appello perché uniti insieme propugnino nella loro intierezza gli ideali di giustizia e libertà.
 

Luigi Sturzo, Appello ai liberi e forti



Circolo Culturale

Andreino Carrara

Bergamo

Manifesto


Newsletter

Per iscriverti alla Newsletter di Liberi e forti e rimanere sempre aggiornato, invia un messaggio vuoto con oggetto ‘Iscrizione alla Newsletter’ a com.andreinocarrara@libero.it


Collegamenti







 



Disclaimer

 

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.

 

Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.

2 maggio 2008
OMAGGIO AL 25 APRILE
 
Immagine:Italy-Emblem.svg



di Nicola Carrara


Negli interventi di insediamento dei nuovi Presidenti delle Camere è rieccheggiato il richiamo alla difesa dei valori cristiani.

Trovo ambiguo questo concetto,in particolare quando espresso da uomini pubblici, per una ragione semplice: credo che i valori cristiani, in ogni ambito del sociale, non debbano essere difesi bensì vissuti e praticati.

Anche l’omaggio al Papa, operato da Fini, risuona come atteggiamento teso a cercare benevolenza tra le gerarchie ecclesiastiche.

L’azione politica di governo espressa dal movimento dei cattolici in politica e dai suoi uomini più rappresentativi è stata condotta nell’ambito di una cornice culturale laica che distingueva i piani di intervento dello Stato e della Religione.

In questi ultimi anni, con il venir meno di questa preziosa tradizione politica, i piani si sono un po’ confusi: le sfere ecclesiastiche hanno assunto un rilievo "politico" ed i politici hanno sacrificato l’autonomia a causa di un deficit culturale; la ragione sta in un paradosso unico al mondo che non smetterò mai di evidenziare: le culture politiche sconfitte dalla storia (comunismo e fascismo) si sono viste premiate in Italia. Il risultato è che gli uomini che rappresentano gli eredi di queste culture agiscono in base ai caratteri di fondo di quelle tradizioni: il trasformismo e l’opportunismo.

Ecco spiegata la necessità di rendere omaggio al 25 Aprile e di chiedere il superamento dell’odio.

Noi democristiani non abbiamo mai vissuto dentro la logica dell’odio: mi assale un’inquietudine al pensiero che si senta la necessità di porre fine ad un sentimento che nessuno di noi ha mai vissuto.

L’omaggio al 25 aprile invece è un’altra conferma che noi eravamo dalla parte del giusto; allora mi pongo di nuovo una domanda: perché coloro che hanno sbagliato scelte, opzioni e che devono continuamente riconoscere questi errori vengono premiati ed assurgono alle più alte cariche dello Stato?




permalink | inviato da liberieforti il 2/5/2008 alle 11:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte